IHBPC 2013 - 18-19 maggio - Caravaggio - il resoconto

Questi IHBPC2013 cominciano molto male per il team piccante al punto da convincerci che le dicerie sul venerdì 17 abbiamo delle basi consolidate. Ma non stiamo qui a tediarvi con le mille disavventure che ci sono capitate in quel che doveva essere un breve viaggio verso Caravaggio (BG) vi diciamo solo che è finita con noi che abbiamo passato la notte in bianco dopo 3h e 1/2 di viaggio per 130km di strada.
Come se non bastassereo le zero ore di sonno sulle spalle, alcune squadre erano in ritado e quindi noi che avremmo dovuto giocare la 6^ partita del primo round veniamo catapultati direttamente in campo. Ce la vediamo con i Glicine. Io e Smoca non abbiamo mai giocato assieme e dobbiamo conoscerci in abitudini e tipo di gioco ma la nostra idea principale è quella di divertirci e se capita magari segnare qualche goal. Il campo sembra una saponetta, il grip è pari a zero e si perde il conto delle cadute dovute a scivoloni. La partita è abbastanza equilibrata e i tiri in porta sono molti da entrambi i fronti ma le due porte sembrano stregare, tra pali e parate fortuite oltre a quelle di bravura sia della Valeria che della nostra Martina. Il pareggio finale di due a due è sicuramente un risultato veritiero. Il tabellone ci dice che ci tocca vedercela con i Catanesi Bike Bongiorno, team ancora acerbo ma coordinato e determinato. Giocano bene e realizzano buoni schemi mentre io e Smoca sembriamo totalmente assenti. Ci sovrapponiamo troppe volete ed io già accuso la notte in bianco, ho il braccio gommoso e le palpebre che mi bruciano. Finisce 5 a 1 per i Catanesi. Da sud a nord è giunto il momento di giocare con i Torinesi Bloody Bears con il fanese Angie al posto del solito Erik. Noi partiamo bene e difatti ci portiamo sul 2 a 0 dopo non molto. Io sono sempre più provato fisicamente e mi rendo conto di spingere pochissimo sui pedali. I torinesi che forse ci avevano sottovalutato invece cominciano a spingere di più e complice anche qualche smazzata di troppo soprattutto nei confronti di Martina, che non è certo quella che te le viene a rendere, riescono a rimontare ed in estremis ci infilano anche il terzo. Perdiamo quindi 3 a 2 e ne usciamo moralmente abbattuti perchè questa era una partita che stavamo per portarci a casa a pieni punti, peccato.
Prima di affrontare i Romani Polifemo mi faccio il terzo caffè della mattina ma anche con la caffeina sembra non funzionare, tra l'altro la stanchezza rimbomba nel vuoto del mio cranio sotto forma di mal di testa lancinante. In partita mi rendo conto di non essere per niente in forma e punto alla zona difensiva cercando di servire al meglio Smoca che con il tiro c'è e segna due belle reti mentre Martina salva più volte la nostra porta che resta inviolata fino allo scadere dei dieci minuti. Questa volta la vittoria è meritata come la pennica che mi faccio sul prato in attesa della partita successiva.
La squadra di casa, Pilopolo, sembra essere sotto tono quindi bisogna approfittarne. Taglio forse è troppo timoroso del campo scivoloso e si fa anticipare a volte troppo facilmente e per noi è solo un vantaggio positivo, mentre i suoi compagni ci provano spesso con tiri dalla distanza spesso "sporchi" e poco precisi. Finisce anche questa con un pareggio 3 a 3.
L'ultima del nostro girone dobbiamo giocarla con i Loneagle. Squadra molto fisica nonoostane non siano tre "bestioni" ma soprattutto ben organizzati in campo con un gioco di squadra fluido dove ognuno è al sevizio del gioco. Non sbagliano una posizione e hanno un bel gioco di blocchi e ripartenze. Io e Smoca invece lasciamo troppo scoperta la difesa e nonostanete qualche miracolo di Martina in porta i veneti riescono a infilarcene 5 prima dello scadere del tempo regolamentare mentre noi ci fermiamo a 2. E' giunto il momento di rimpiangere la partita con Torino, avessimo difeso meglio sul due a zero ci saremmo qualificati per il bracket a doppia eliminazione della Domenica.
Visti i preamboli del venerdì comunque non ci possiamo lamentare per come sia andata.
Il bracket domenicale è ricco di ottime partite e di grandi sorprese. Il trasferimento nel campo di Fornovo forse ha portato via un po' di visibilità al torneo nazionale ma visti i continui diluvi forse era una scelta da fare fin da subito.
Qualche team, anche tra i più blasonati giocano in formazioni rimaneggiate per problemi vari. Se i Tiger e i rockets per questo risultano sottotono rispetto alla loro formazione originale i BAM con "l'acquisto" del funambolo DOdi sembrano inarrestabili ed inarrivabili infatti prorio nell'inontro Bam vs Tigers sono questi ultimi a soffrirne e finire nel loser bracket con un sonoro 4 a 0 mai visto. La vera rivelazione sono i Loneagle che con il loro gioco fisico ma sempre preciso riescono a eliminare proprio i tiges nel loser ed il loro slot per l'europeo sfuma. Sembra solo un cambio generazionale della "scuola Veneta di bike polo".
Anche i senatori sembrano determinati ad arrivare in finale. Valerio tira come sempre da ogni posizione ed è un vero cecchino, Sapo sempre veloce e con un ottimo controllo di palla, Marco presente e di gran supporto al gioco ma forse a volte pecca di troppa frenesia ed i suoi (comunue pochi) sbagli nascono proprio dal non ragionamento dell'azione. La loro "sfortuna è quella di incontrare sul loro cammino i Bam che li spediscono nel loser. Altra bella partita quella tra i catanesi bike pollo e i milanesi Analfabeta. Peccato che la figura dei polli l'abbiano fatta proprio i milanesi che a 3 secondi dal fischio finale sul 2 a 1 per loro e con pallina incastrata dietro la porta dei catanesi si son fermati per abbracciarsi ma Scimmia riesce a fare il tiro sullo scadere grazie a Pas che ha liberato la palla dalla rete e così si è giocato tutto al golden goal segnato infine proprio dai Polli orginali Catanesi! Peccato per Milano!
Nel loser i loneagle cominciano a crederci e fanno terra bruciata con un filotto tutto da ricordare... (analfabeta, Senatori, bike pollo).
La finale tutta Vicentina vede scontrarsi i giovani loneagle con i Bam. Ma questa volta anche i blocchi ben studiati dei Loneagle non possono nulla contro una biscia come Dodi e la loro stanchezza accumulata nella partite precedenti si vede sui loro volti attraverso le griglie dei caschi! Vincono, quindi, questo campionato Italiano i Bam che con gesto galante e condivisibile si tengono il titolo ma cedono il trofeo ai Loneagle essendo, a differenza loro una formazione 100% Italiana mentre Dodi dei Bam è lo straniero permesso da regolamento come 1/3 del team.
Strameritato anche il premio miglior portiere a Edo (martina dice che si studierà i video e forse parla di uno stage a lonigo...).
Buona l'orgnaizzazione Bergamasca anche se con molti spunti di miglioramento e sopratutto inguardabile la maglietta dell'evento, passi il colore rosa in "onore" al giro ma i due patacconi sono davvero troppo plasticosi e rendono inusabile la maglietta... rimarrà comunque come buon ricordo!
Grazie come sempre a tutti gli orgnaizzatori a tutto il mondo del polo Italiano ed ai miei due compagni di squadra Martina e Davide.

Come sempre le mie foto le caricherò nei prossimi giorni!

Team piccante IHBPC2013

Foto copyright Giorgio Ferri

Comments: