Shuffle Vercellese 2013 - il resoconto

Sabato 16 Novembre è stata la giornata delle cose inaspettate!
Chi si sarebbe aspettato un sole così "caldo" dopo tre giorni di pioggia e freddo?
Chi si sarebbe aspettato un affluenza così alta di Polisi e Ciclisti pronti a correre l'alleycat del riso e del vino?
Chi si sarebbe aspettato così tanto buon cuore da parte di tutti i partecipanti e anche dei curiosi passati nel cortile della palestra Mazzini?

Ma partiamo dall'inizio. Poco meno di due mesi fa ci contatta l'amico Simone di VCY fixed Vercelli chiedendoci se eravamo interessati ad orgnizzare un evento a Vercelli che unisse il bike polo e una alleycat. Singolarmente sono eventi che avevamo già organizzato ma unirli, per la città di Vercelli, sarebbe stata una novità. La nostra città può essere definita un paesone e come tutti i paesoni ha i suoi pro e i suoi contro. Solitamente si sente che tra "gruppi" appartenenti a diverse discipline (che siano sportive o di carattere culturale etc etc) c'è sempre astio, rivalità e invidia il più delle volte infondate che spesso incidono negativamente sulla buona riuscita di eventi anche importanti. Noi volevamo dimostrare il contrario, volevamo far sapere alla gente che si possono unire le forze, le idee e il buon cuore a favore di una giornata dedicata allo sport e alla beneficenza. Ognuno nel proprio sa il fatto suo e questo è indiscutibile ma unendo le idee senza polemiche si può fare sempre meglio, più teste è normale che creino più attriti ma anche più proposte e se questi attriti e proposte si utilizzano in maniera costruttiva non c'è niente di meglio per il bene di un evento!
Ovviamente accogliamo positivamente la proposta e cominciamo a muoverci per l'organizzazione.

Noi avevamo organizzato il torneo di Bike polo a Vercelli a Giugno quindi non volevamo inserirci in un calendario già pieno di impegni con un torneo "importante" quindi optiamo per un format semplice e con poche squadre. Ci sentiamo ed incontriamo spesso con i ragazzi di VCY per coordinarci.
La decisione unanime di donare il ricavato della giornata a Marco Pentagoni, il giovane ragazzo al quale questa primavera, a seguito di un incidente banalissimo mentre giocava con gli amici, è stata amputata la gamba destra, ci ha spinti a "lavorare" sempre meglio coinvolgendo più persone possibile.
Fondamentale è stato il supporto di tutti i parenti ed amici che hanno voluto contribuire attivamente, chi economicamente chi con il proprio lavoro. Spero di non dimenticarne nessuno e comincio con Giudo Manolli e il comitato Vecchia porta casale che ci supportano ogni volta (siamo sempre ospiti nel loro cortile) e che hanno messo a disposizione 100 porzioni di panissa donando tutto il ricavato a Marco così come Anna Lamanna con i suoi piatti per vegani (zuppa di legumi e patate con salsa 100% vegan), Giancarla Mottura e Ramona Bellini per le ottime lasagne, Tina per le torte, la panetteria Dolcesalato di Stefano Cino per le colazioni offerte e le pizze a prezzo di favore.

La giornata parte presto ma a rilento. I primi polisti arrivano mentre noi stiamo ancora finendo di sistemare il necessario per la giornata. Temporeggiamo con le colazioni, brioches offerte da DolceSalato ed il succhi di frutta. Defezioni di giocatori giunte all'alba ci obbligano ad una rapida scelta di un nuovo format per il torneo. Facendo un sondaggio tra i giocatori si decide per quattro squadre da quatto giocatori. Praticamente un "mini banch minor" con un giocatore sempre pronto per i cambi al volo stile hockey. Partite di trenta minuti a goal illimitati con girone all'italiana. Ci spiace per le tre ragazze (lamartinz, Sara e Cristina) che avrebbero voluto partecipare come unica squadra femminile ma la decisione è stata quella di inserirne una per squadra, speriamo che abbiano un altra occasione in futuro per far vedere quanto valgono!

Le squadre sorteggiate sono:
Cascabel (Ciciu -BG-, Corbe -BG-, Fabio -BG-, Lamartinz -VC-)
Lipstick ( Lorenzo -VI-, Stiba -BG-, Ricky -TO-, Sara -VC-)
Serrano (Carlo -VC-, Fausto -BG-, Ricky -VI-, iljap -VC-)
Jalapeno (Cristina -TO-, Giò -TO-, Jimmy -VC-, Paolo -VC-)

Sulla carta sembra che le squadre siano abbastanza equilibrate, farle esattamente tutte allo stesso livello direi che era impossibile.

La prima partita (Lipstick VS Jalapeno) difatti denota un forte equilibrio con un buon gioco da entrambe le parti. La partita non è velocissima ma dovendo giocare mezz'ora è saggio non sprecare troppe energie ed i giocatori devono prendere le misure con i nuovi compagni di squadra. Il vantaggio per una o per l'altra squadra non è mai superiore al singolo goal e finisce 15 a 14 per i Jalapeno.

La seconda partita (Cascabel VS Serrano) è una sfida tra lamartinz e me per la prima volta contro in un torneo. Loro hanno Corbe che è il giocatore da tenere a bada! Noi come loro non abbiamo mai giocato assieme ed abbiamo "stili" differenti. Inizilamente ci spingiamo tanto in avanti e facciamo qualche buona azione e molti tiri ma la porta sembra stregata e mi sembra di riuscire a segnare un goal ogni 15 tiri in porta, Lamartinz non me ne fa passare una e provo anche ad innervosirla ma non ci casca. Loro invece rilanciando Corbe in contropiede che segna ad ogni tiro. Sì in difesa stiamo patendo non poco ma manteniamo un minimo vantaggio. Cediamo il passo per un momento e Corbe ci punisce portando in vantaggio la sua squadra che però comincia a "sfaldarsi" quindi spingiamo e cerchiamo di neutralizzare Corbe per trovare gli spazi per tiare. La tecnica funziona, riusciamo a recuperare e allo scadere vinciamo noi per 13 a 10.

Avendo cominciato tardi è già giunta l'ora della pausa pranzo. Arrivano in sequenza la panissa e le zuppe fumanti! La fame ci assale e cominciamo a sbranare cibo sorseggiando chi vinello chi una birretta fresca!
Comincia ad arrivare anche qualche corridore dell'alleycat (alcuni anche direttamente in bici da Milano, Novara, Casale Monferrato). Siamo un pò preoccupati per la poca affluenza di pubblico esterno e pensiamo di avanzare molto cibo, invece I giovani sportivi apprezzano!!!

Anche se siamo poche squadre è meglio ricominciare. Fermiamo i "throw-in" e si riparte. Tocca a nOi (Serrano) incontrare i Lipstick che forse (purtoppo) sono la squadra meno equilibrata con le altre. Riki (TO) ce la mette tutta ma è anche sfortunato con qualche rimpallo con il sottoscritto. Non riescono ad andare oltre il 4° goal mentre noi ne segnamo 14.

I jalapeno della seconda partita sembrano altri rispetto alla prima. Giò sbaglia troppi tiri, Jimmy fa molti piedi, Cristina cerca di supportare Giò ma Corbe ad ogni errore non li perdona, prende palla e segna! Cascabel 17 Jalapeno 5

L'alleycat sta per partire e il cortile della Mazzini è pieno di ciclisti e biciclette! E' un bel colpo d'occhio anche grazie allo splendido sole che contunua a sostenerci!

Arriva anche Adriano a farci qualche ripresa con il suo Drone.

Ritardiamo un attimo la partita Lipstick VS Cascabel per dar modo all'alley di partire e per far riprendere fiato ai Cascabel che hanno appena giocato. Anche qui si nota la difficoltà dei Lipstick di creare azioni pericolose e perdono la loro ultima partita 5 a 11.

Tocca di nuovo a noi ci manca solo giocare con i Jalapeno. Ci diciamo che dobbiamo vincerla a tutti i costi. Giochiamo tutti meglio delle prime pertite. Ci intendiamo meglio e facciamo un buon gioco di passaggi che in questo momento è il nostro vantaggio. A metà partita abbiamo un calo, non so se dovuto al vinello o alla panissa e confermiamo la nostra mancanza di difesa ma ci riprendiamo bene riuscendo a vencere anche questa 13 a 9.

Vorremmo fare entrambe le finali (3°4° e 1°2°) ma siamo andati troppo lunghi e i ragazzi dell'alleyicat cominciano a tornare. Optiamo per una singola finale.

La finale nonostante non sia un torneo internazionale dovrebbe suscitare curiosità ed un certo tifo solo che è stto tutto rovinato dalle forze dell'ordine (Vigili e Carabinieri) che sono arrivate al campo dopo aver fermato due partecipanti all'alley quindi finale silenziosa mentre tutte le persone erano intente a discutere con le f.d.o. Peccato!!!

La finale ce la giochiamo noi Serrano con i Cascabel. Nella partita precedente contro di loro abbiamo vinto ma sappiamo che non è da sottovalutare. Giochiamo bene ma loro fanno il loro gioco ed in più di un paio di momenti ci fanno "ballare".
Passano in vataggio loro ma Ciciu che aveva servito un'ottima palla a Corbe ammette di aver effettuato il passaggio dopo aver appoggiato il piede sulla sponda (Onestà assoluta!!!) ed il goal annullato. Si riparte dal pareggio. Spingiamo ma loro ci credono fino in fondo non dandoci tregua. Siamo in vantaggio di due goal ma un contropiede mentre siamo troppo alti ci riporta con i piedi per terra. Manca poco e cerchiamo di gestire la palla bloccando al meglio il piroettante Corbe.
L'arbitro fischia la fine! Vinciamo noi con un solo goal di scarto. Se Ciciu non fosse stato così onesto magari il risutato finale sarebbe stato differente.

Mentre comincia qualche "throw-in" aiuto a servire cibo e birra a tutti quelli che tornati dall'alleycat se avessero potuto si sarebbero mangiati un bisonte! Se inizialmente avevamo il dubbio di avanzare il cibo adesso sembra non bastare. Peccato non aver avuto il modo di scaldare panissa, zuppa
e lasagne!

Anche la generosità nei confronti del nostro intento di donare il Ricavato a Marco Pentagoni è stata superiore alle aspettative. Quasi tutti quelli che compravano da bere o da mangiare (soldi anche questi destinati a Marco) mettevano il resto nella cassettina delle donazioni!!!

Per Marco, tolte le spese, abbiamo "messo in fienile" e sul conto "solidarietà per Marco" 400€ (vedi scansione della ricevuta?

Ancora una volta ricordiamo che i soldi sono stati raccolti grazie agli oltre 80 piatti di panissa serviti da Guido Manolli e il Comitato vecchia Porta Casale, ai piatti vegani preparati da Anna Lamanna che ha anche raccolto donazioni tra i colleghi del Comune di Vercelli, le lasagne preparate da Giancarla Mottura e Ramona Bellini, le torte di Tina, le briches offerte e le pizze a prezzo popolare della panetteria Dolcesalato di Stefano Cino, le generose offerte di tutti i giovani partecipanti alla giornata sportiva provenienti da diverse parti del nord Italia (Vicenza, Como, Luino, Bergamo, Milano, Torino, Chivasso, Novara etc) e le donazioni da parte del Bike polo Vercelli e di VCY fixed.
Stanchi ma felici! Ed un altra goccia è caduta sulla roccia!

Ringraziamo nuovamente VCY Fixed per la bella collaborazione, esperienza da ripetere sicuramente.

Vorremmo ricordare che il conto "solidarietà per Marco" è sempre aperto e trovate tutte le informazioni cliccando QUIQUI


Cliccando QUI troverete il collegamento ai risultati su challonge

QUI invece qualche scatto della giornata fatto da Francesco De Rosa

ricevuta_bonifico

 

iljap

 

Comments: